Archive for the ‘ fitness ’ Category

GIORGIO

img_2322

Ieri pomeriggio, durante l’allenamento in palestra, Giorgio mi ha confidato di essere un po’ preoccupato riguardo all’esito delle gare autunnali per le quali ci stavamo preparando! Osservandolo mi sono accorto di tutte le immagini negative che probabilmente gli passavano per la testa influenzandogli la mente e il fisico. Facile immaginare che dai suoi pensieri non emergeva nulla di motivante!!
Dovevo cambiare il suo stato, dovevo provarci o questi pensieri avrebbero reso vano il nostro lavoro! Iniziai a parlargli di ciò che provai alla mia prima gara, gli raccontai dei sogni che ancora oggi possiedo e delle mie ambizioni. Le parole che dissi esprimevano emozione e quando vidi Giorgio
trasformato gli chiesi di agire come se avesse già raggiunto il risultato finale della gara e di visualizzare il momento in cui sarà premiato sul palco, di visualizzare i suoi gesti e di provare le stesse emozioni che proverà in quel momento!!
Pochi istanti dopo Giorgio aveva creato in sé una prospettiva piena di fiducia, una immagine luminosa e chiara di ciò che sarebbe stata per lui l’esperienza di quella gara! Agire come se avesse già ottenuto il risultato finale, ha dato a Giorgio un futuro denso di emozioni, il suo futuro, risvegliando il coraggio di affrontare gli ostacoli che gli rimarrà per sempre! Le emozioni provate ieri saranno lo scopo di domani, il vero significato di ogni sfida!
Il tuo coach – Roberto Vecchi

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on Pinterest

HOME WORKOUT !!

IPOSSIA

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on Pinterest

GABRIEL GARKO

Ciao amici !
Oggi inizia un’importante collaborazione con uno degli attori più noti del panorama italiano. Gabriel Garko

image

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on Pinterest

ALLENAMENTO IN ALTITUDINE PER RIDURRE IL COLESTEROLO LDL

IPOSSIA1

La pratica regolare dell’esercizio fisico riduce la mortalità per malattie cardiovascolari in funzione del tipo, della frequenza, della durata e dell’intensità dell’attività fisica, ed è ragionevole supporre che anche le condizioni ambientali nelle quali essa si svolge abitualmente possano avere un ruolo significativo.
Allenamento in altitudine in popolazioni esposte cronicamente all’ipossia da alta quota, sono stati riportati una ridotta concentrazione ematica di colesterolo totale e LDL, una minore prevalenza di cardiopatia ischemica, ipertensione arteriosa e accidenti cerebrovascolari, con conseguente riduzione del tasso di mortalità per malattie cardiovascolari. Una riduzione del colesterolo totale e LDL, dei trigliceridi e della pressione arteriosa, sono stati riportati anche in seguito ad un’esposizione acuta all’ipossia in soggetti che normalmente vivono a livello del mare.
Volendo sintetizzare questi concetti, potremo dire che l’ipossia, comunque indotta, è un efficace stimolo eritropoietico (formazione di globuli rossi), sebbene la risposta individuale appaia variabile. Gli adattamenti ematologici, muscolari e respiratori che conseguono a tale stimolo permettono all’atleta di incrementare la propria capacità di trasportare ossigeno ed utilizzarlo in periferia. Beneficiario ideale dì queste pratiche è l’atleta di resistenza, nel quale all’aumento della potenza aerobica segue il miglioramento della prestazione di gara. L’attività fisica in quota sembrerebbe in grado di ridurre ulteriormente, rispetto al solo esercizio fisico, il rischio di malattie cardiovascolari (ma questi dati, estremamente favorevoli ai montanari e al turismo in montagna e sfavorevoli a noi poveri marinai, debbono essere confermati).

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on Pinterest

VIRNA

13716060_10210139186656925_9008540147647467859_n

Ok, Virna ed io siamo quasi pronti per la “prova costume” !!
Buona giornata a tutti !

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on Pinterest

MANTENERSI IN FORMA IN VACANZA

Ciao a tutti !
Le vacanze sono ormai alle porte e il vostro stile di vita muterà radicalmete e molto probabilmente non avrete neppure la possibilità di accedere come di consueto alla palestra, alla piscina, o a qualunque area sportiva alla quale siete tanto attaccati. Non preoccupatevi ! Questa guida rapida di esercizi vi consentirà di allenarvi ogni giorno sia che vi troviate al mare, in montagna o nel giardino di casa vostra !

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on Pinterest

14° GP Ercole Farnese IFBB Torino – Esperienza di Giorgio Saponaro

image

Tutto è iniziato ad ottobre quando dopo anni di palestra e senza un vero obiettivo da raggiungere ho deciso di cercare un Personal Trainer a cui affidarmi per iniziare un percorso che mi avvicinasse alle gare, ma doveva essere uno tosto, affermato, di esperienza che avesse calcato i palchi delle gare.

Il mondo del fitness mi aveva attratto da sempre e ultimamente era diventata un ossessione,
volevo partecipare ad una gara di MEN’S PHYSIQUE!
Mi chiesi chi poteva aiutarmi in un mondo per me ancora sconosciuto?
Così una sera scorrendo Facebook sulle varie pagine del settore mi appare Roberto Vecchi Personal Trainer. L’ho contattato e dopo esserci sentiti telefonicamente l’ho raggiunto per conoscerlo. Era il primo incontro nonostante ci fossero 200 km di distanza, io vivo a Busto Arsizio!!
Dopo averlo visto e sentito le sue parole mi è bastato un minuto per capire che era la persona giusta! Dentro di me sentivo che con lui avrei raggiunto ciò che desideravo. Con queste premesse abbiamo iniziato a lavorare insieme, allenamenti, dieta, integratori alimentari. Mi rendo conto solo ora che passo dopo passo stavamo costruendo il mio futuro, un futuro di successi.
Le gare erano già nel mio personale mirino, ma ogni volta che io ne parlavo Roberto diceva: incominciamo a lavorare bene, poi vediamo!!
L’elastico che tratteneva la passione del mio desiderio è stato liberato quando Roberto ha detto che avrei potuto prepararmi per il “14 GP Ercole Farnese IFBB Torino” se lo volevo – la decisione è stata immediata e nello stesso istante le mie energie si sono moltiplicate, risvegliate da una esplosione che ho sentito in ogni centimetro del mio corpo e nella mente!
Allenamenti duri 6 giorni la settimana, dieta estrema, andare ogni settimana a fare il check e provare il Posing dove Roberto è un vero maestro ma con lui vicino che mi dava le dritte e i consigli giusti sapevo che avrei ottenuto un risultato straordinario.
Tesi e concentrati ci siamo presentati alla gara, lui era con me. Mi sentivo orgoglioso di averlo a fianco e credo lo fosse anche lui certi di aver lavorato bene entrambi.

Abbiamo passato una giornata molto dura, fatta di attese estenuanti, fame, sete, ma con lui al mio fianco che trasmetteva tranquillità è stato tutto più facile finché è arrivato il momento.
Mentre salivo sul palco mi ha detto: “Ti voglio tra i primi 6 e sarai tra i primi 6! E così è stato!”
Una tempesta emozionale inimmaginabile mi ha lasciato senza fiato quando lo speaker ha pronunciato il mio nome nei primi 6! Mesi e mesi di sacrifici spazzati via in un istante.
E’ stato un nuovo inizio e non so ancora come ringraziare Roberto Vecchi per tutto ciò che ha fatto per me.
Lo ringrazio in modo semplice scrivendo sul suo blog la mia esperienza alla quale aggiungo un grazie vero, grazie di aiutare le persone a trovare il coraggio di esprimere sé stessi e di avermi aiutato ad affermare l’avventura di una vita in modo indelebile.

Torino, 21 maggio 2016
Giorgio Saponaro

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on Pinterest

ROBERTO VECCHI – LA MIA STORIA

IMG_6533

Lavoravo su macchine circolari in una tessitura, turni diurni da 8 ore dalle 5.00 alle 13.00 o dalle 13.00 alle 21.00, orario continuato. Avevo 19 anni, tanta forza, tanta energia, tanti sogni, tanti amici, insomma tanto di tutto, ma non so se questo “tutto” fosse poi così positivo; pensandoci ora, avevo riempito la mia vita con tante cose importanti e per questo diventava accettabile, amici, ragazze, una famiglia, ma da qualche parte dentro di me c’era un vuoto e per non sentirlo avevo creato questa confusione.

Ho iniziato a fare sport con l’atletica leggera poi, durante il servizio di leva, piuttosto che uscire per andare in città, al bar o in altri locali, restavo in caserma con qualche amico ad allenarmi con i pesi. Era la palestra della caserma e non immaginavo che da quei primi pesi, da quel tipo di allenamento sarebbe nata la mia passione.

Avevo lasciato la scuola a 17 anni con la qualifica di “Maestro d’arte” e per un lungo periodo sentii la mancanza del diploma che non avevo, fino a quando decisi di presentarmi da privatista per l’esame dei due anni mancanti. Volevo quel diploma e volevo fare il grafico pubblicitario!

In quel periodo di studio si presentava l’occasione di prendere in gestione un distributore AGIP con la compagnia del mio Terranova. In quel periodo avevo ceduto al mio bisogno di fare un lavoro in proprio che mi potesse far sentire qualcuno, volevo fare qualcosa di importante, ma stavo andando nella direzione che avrebbe voluto mio padre, non era ciò che volevo e sentivo essere mia! Quella avventura imprenditoriale ebbe vita breve e finì con la cessione dell’attività con una perdita importante di denaro per la mia famiglia.

Nel frattempo riuscii a diplomarmi e, dopo la cessione del distributore, iniziai il nuovo lavoro per il quale avevo studiato in una azienda storica di Carpi, il Graphic Designer. Vista l’esperienza precedente non avevo ancora deciso di dedicarmi al fitness, ma iniziai un percorso formativo parallelo che mi ha permesso di lasciare ampio spazio alla mia vera passione, a qualcosa che in qualche modo avrebbe riempito quel vuoto che era ancora dentro di me. In quel momento, anche se di apparente quiete, avevo imparato ad ascoltarmi!

Senza che me ne accorgessi con nessuna fatica e sempre con maggiore chiarezza, iniziai a liberare quella passione, era la prima luce del mattino, il primo tiepido raggio di sole che mi indicava la strada da seguire e la direzione che avrei dato alla mia vita lasciando dietro di me la confusione.

Ho trascorso diversi anni per guadagnarmi le specializzazioni in ambiente fitness e welness. Ho ottenuto diversi diplomi e brevetti con Technogym, Fipe, Functional Training School e quasi tutti i brevetti e le certificazioni della AFFWA (Accademia Funzionale del Fitness, Wellness e Anti-aging).

Oggi sono un Personal Trainer attento, orientato alle persone, sono colui che sostiene e motiva i suoi allievi in modo discreto ed efficace, sono il loro esempio da seguire, la loro guida, la loro ombra se necessario! Mentre lavoro con i miei allievi mi sento come il contadino che dopo avere seminato con fede, speranza e amore vede germogliare i suoi alberi da frutta e provo una forte sensazione di gratitudine verso le persone, non sento più quel vuoto!

Carpi, 19 marzo 2016

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on Pinterest

LA TRASFORMAZIONE DI GIULIO.

12523027_10208535267239942_1373373027095920886_n

Giulio Mori, 21 anni, passione per la fotografia che con grandi sacrifici anche finanziari continuo a portare avanti. Due anni fa (1a foto) ho deciso di cambiare qualcosa nella mia vita e mi sono iscritto in palestra anche se non avevo ben chiaro cosa mi muoveva realmente, volevo cambiare qualcosa!! Già dai primi esercizi avevo notato Roberto Vecchi il mio attuale personal trainer che allora non conoscevo, il primo approccio, qualche suggerimento, da quel momento è nata la mia grande passione per la palestra, per una alimentazione curata e misurata, per il mantenersi in forma – Da allora Il mio obiettivo è stato e lo è ancora, costruire un fisico definito, asciutto e soprattutto sano. Sono passati due anni, ho voluto che Roberto mi accompagnasse in questo percorso e da allora è al mio fianco letteralmente, ho seguito i suoi consigli con tenacia e continuità, alimentazione, esercizi fisici, ho ricalcato ogni gesto ed ogni azione con fiducia, Roberto è il mio esempio! Ora sono felice dei risultati raggiunti e voglio ringraziarti di tutto ciò che mi hai fatto amare – grazie Roberto!

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on Pinterest

MARTINA

12662694_10208735759892133_211703110429173971_n

E come ogni mercoledì Martina ed io ci alleniamo duramente in palestra !!
E tu quanta attività fai nell’arco della settimana ??
Buon lavoro a tutti !

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on Pinterest