Archive for the ‘ Training ’ Category

EFFETTI CARDIOVASCOLARI DEL SOGGIORNO E DELL’ALLENAMENTO IN ALTURA

EFFETTI CARDIOVASCOLARI DEL SOGGIORNO E DELL'ALLENAMENTO IN ALTURA

La pratica regolare dell’esercizio fisico riduce la morbilità e la mortalità per malattie cardiovascolari in funzione del tipo, della frequenza, della durata e dell’intensità dell’attività fisica, ed è ragionevole supporre che anche le condizioni ambientali nelle quali essa si svolge abitualmente possano avere un ruolo significativo.
Allenamento in altitudine in popolazioni esposte cronicamente all’ipossia da alta quota, sono stati riportati una ridotta concentrazione ematica di colesterolo totale e LDL, una minore prevalenza di cardiopatia ischemica, ipertensione arteriosa e accidenti cerebrovascolari, con conseguente riduzione del tasso di mortalità per malattie cardiovascolari. Una riduzione del colesterolo totale e LDL, dei trigliceridi e della pressione arteriosa, sono stati riportati anche in seguito ad un’esposizione acuta all’ipossia in soggetti che normalmente vivono a livello del mare.
Volendo sintetizzare questi concetti, potremo dire che l’ipossia, comunque indotta, è un efficace stimolo eritropoietico (formazione di globuli rossi), sebbene la risposta individuale appaia variabile. Gli adattamenti ematologici, muscolari e respiratori che conseguono a tale stimolo permettono all’atleta di incrementare la propria capacità di trasportare ossigeno ed utilizzarlo in periferia. Beneficiario ideale dì queste pratiche è l’atleta di resistenza, nel quale all’aumento della potenza aerobica segue il miglioramento della prestazione di gara. L’attività fisica in quota sembrerebbe in grado di ridurre ulteriormente, rispetto al solo esercizio fisico, il rischio di malattie cardiovascolari (ma questi dati, estremamente favorevoli ai montanari e al turismo in montagna e sfavorevoli a noi poveri marinai, debbono essere confermati).

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on Pinterest

ALLENAMENTO FUNZIONALE : La nuova frontiera dell’allenamento.

ALLENAMENTO FUNZIONALE : La nuova frontiera dell'allenamento.

Tornare alle origini per riscoprire le funzioni basilari del corpo e allenare quelle capacità motorie primarie che per tanti anni sono state dimenticate : questo è l’allenamento funzionale.
Cosa aspettate…venite a provarlo insieme a me !!

Ecco un esempio di allenamento a circuito per il DIMAGRIMENTO :
– 10 min. corsa
– 1 x 10 flessioni delle braccia
– 1 x 10 cruch
– 1 x 10 clean con sanbag
– 10 min. prono plank
– 1 x 10 affondi in camminata
– 1 x 10 crunch inversi
– 2 min. recupero
– ripetere 5 volte la sequenza
– 10 min. corsa

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on Pinterest

UN CIRCUITO FACILE E VELOCE PER MANTENERSI IN FORMA ANCHE IN VACANZA

UN CIRCUITO FACILE E VELOCE PER MANTENERSI IN FORMA ANCHE IN VACANZA

CIRCUIT TRAINING
– 10 min. corsa jogging moderata
– 10 min. camminata veloce
– 2 x 15 squat con braccia protese in avanti
– 5 min. corsa veloce
– 2 x 15 squat con mani incrociate dietro la nuca
– 5 min. camminata lenta
– 2 x 10 flessioni delle braccia facilitate con ginocchia in appoggio
– 2 x 15 crunch con mani incrociate dietro la nuca
– 2 x 15 crunch inversi a gambe flesse
– stretching

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on Pinterest

MA I PESI MI FANNO DIVENTARE TROPPO MUSCOLOSA ??

MA I PESI MI FANNO DIVENTARE TROPPO MUSCOLOSA ??

Di frequente nelle palestre gli allenamenti sono impostati più sulle fantasie aneddotiche degli istruttori che sulle caratteristiche fisiologiche della donna…
I pesi ingrossano…si dimagrisce solo correndo…le proteine fanno male…i pesi incrementano la cellulite…i pesi fanno male.
Uno dei concetti più fraintesi riguarda l’effetto dell’allenamento con i pesi sulle donne.
DA PARTE DI MOLTE VI E’ IL TIMORE DI UN ECCESSIVO SVILUPPO MUSCOLARE.
Peccato che alla donna manca però un corredo ormonale atto a provocare un ingrossamento significativo del muscolo allenato.
La spiegazione è una quantità di ormoni anabolici inferiore da 10 a 30 volte rispetto all’uomo.

LE DONNE SOTTOPOSTE AD UN REGOLARE ESERCIZIO FISICO CON I PESI DURANTE LA VITA SONO FISIOLOGICAMENTE PIU’ GIOVANI DI 20-30 ANNI RISPETTO ALLE LORO COETANEE SEDENTARIE.
(Misko,Cress, clin.Sports med.2000 apr.)

UNO STUDIO DI 16 SETTIMANE DI ALLENAMENTO (aerobico, anaerobico, misto) CONDOTTO SU 48 GIOVANI DONNE ( 25 età media), HA EVIDENZIATO IL MIGLIORAMENTO A LIVELLO DI PROFILO LIPIDICO (diminuzione trigliceridi e grasso corporeo totale), BENESSERE CARDIOVASCOLARE E FORZA.
(Le Mura, von Duvillard, Andreacci, Klebez, Chelland, Russo)

A voi la scelta !!!

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on Pinterest

CAMMINARE CON TUTTO IL CORPO. IL NORDIC WALKING

CAMMINARE CON TUTTO IL CORPO. IL NORDIC WALKING

Rispetto al walking tradizionale, il Nordic Walking interessa la quasi totalità della muscolatura, permette di ottenere movimenti più ampi ed efficaci e apporta moltissimi benefici a livello fisico e mentale.
Il Nordic Walking assicura un efficace allenamento in termini di resistenza, equilibrio e mobilità articolare. Caratteristiche che ne fanno uno tra gli sport più completi e al contempo semplici da praticare.

QUALI BENEFICI APPORTA ?
1. alleggerisce il carico dell’apparato motorio
2. migliora la capacità aerobica
3. migliora resistenza, forza, mobilità e coordinazione
4. scioglie le contrazioni nella zone delle spalle e della nuca
5. migliora la postura
6. favorisce la longevità ritardando il processo di invecchiamento

CHI PUO’ PRATICARE IL NORDIC WALKING ?
Non ha particolari controindicazioni e può essere praticato da chiunque e a qualsiasi età.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on Pinterest

Dovete capire che per avere successo…

‘Dovete capire che per avere successo in qualsiasi programma di allenamento con i pesi il duro lavoro è un must. Con un timido sforzo non otterrete nulla” (cit. Reg Park).Immagine

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on Pinterest

GIORNATA DI FITNESS OUTDOOR

GIORNATA DI FITNESS OUTDOOR

Ciao a tutti, da un pò di tempo sto cercando di organizzare un evento che possa coniugare allenamento, benessere e divertimento.
L’invito è rivolto a tutti voi che già seguo e agli amici…
Pensavo di proporvi una escursione sul Monte Rondinaio che è una delle principali cime del crinale appenninico Tosco Emiliano, nonchè una delle più alte. (1970 mt.)

Programma :
Ore 6.30 partenza
Ore 8.30 arrivo a Lago Santo dove lasceremo le macchine e partiremo a piedi.
Ore 10.30 arrivo sulla cima Rondinaio.
Ore 13.00 pranzo al ristorante/rifugio Lago Santo con possibilitá di prendere il sole in riva al lago.
Ore 15.00 partenza.
Ore 17.00 arrivo a Carpi.

Attrezzature :
Non servono particolari attrezzature…
Scarponcini da montagna/trekking oppure scarpe da ginnastica con una suola robusta.
Canotta, t-shirt, felpa o giacca anti-vento leggera,pantaloni lunghi o corti, racchette (regolabili), asciugamano.

Livello di difficoltà :
L’ascesa richiede una minima preparazione fisica soprattutto nell’ultimo tratto.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on Pinterest

“PER OTTENERE VERI RISULTATI SERVONO 3 SEDUTE A SETTIMANA”

Per un muscolo che lavora al 100% della sua intensità, anche pochi minuti possono servire da stimolo. “Ma per essere utile,l’esercizio deve essere ripetuto almeno 3 volte a settimana”. 30 minuti è la durata consigliata a chi non è particolarmente allenato. E’ il limite minimo di qualunque seduta. Ma se parliamo di singoli muscoli portati a svolgere un lavoro massimale, allora anche pochi minuti sono efficaci. La regolarità è essenziale. Un muscolo diventa più forte perchè si adatta a uno stimolo. Ma questo stimolo è efficace solo se viene ripetuto regolarmente, altrimenti semplicemente si perde ! Una volta a settimana è troppo poco, due il minimo sindacale, tre o più la frequanza giusta.

Intervista su Repubblica a Paolo Zeppilli della Scuola di Medicina dello Sport della Cattolica.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on Pinterest