Archive for febbraio, 2014

Roberto Vecchi ci prova a casa di Schwarzenegger

Roberto Vecchi ci prova a casa di Schwarzenegger

Ciao!
Volevo segnalarti questa pagina:

http://gazzettadimodena.gelocal.it/sport/2014/02/24/news/roberto-vecchi-ci-prova-a-casa-di-schwarzenegger-1.8732846

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on Pinterest

A CASA DI SCHWARZENEGGER

A CASA DI SCHWARZENEGGER

Men’s Physique, ovvero armonia ed eleganza del corpo senza cadere negli estremi del culturismo, una disciplina sportiva a tutti gli effetti che costituisce uno stile di vita armonioso che prevede certo i muscoli di chi è molto allenato, ma, contemporaneamente, punta al benessere a tutto tondo. Esponente carpigiano di spicco di questa disciplina sportiva è il carpigiano Roberto Vecchi, figlio d’arte – il padre Ruggero noto nel mondo del basket con le società La Patria e Kennedy negli anni Settanta – e in partenza per l’Arnold Sport Festival, ideato dal mito indimenticato e indimenticabile del bodybuilding, Arnold Schwarzenegger, che si terrà dal 27 febbraio al 2 marzo a Columbus, capitale dell’Ohio, negli Stati Uniti. Si tratta di una delle due competizioni sportive più importanti a livello globale, insieme al Mister Olympia. Vecchi, parteciperà ai campionati mondiali proprio nella categoria del Men’s Physique dopo avere conquistato successo in gare agonistiche dove si è confrontato con punte di diamante della disciplina, a livello nazionale e non solo. “Sono arrivato terzo ai Campionati italiani di Peschiera sul Garda – racconta Roberto Vecchi, emozionato prima della partenza per gli Stati Uniti – secondo alla notte dei Campioni, un titolo nazionale, competizione che si è svolta sempre a Peschiera, sono arrivato secondo alla San Marino Classic, che si tiene nello Stato omonimo ed è una gara internazionale e, infine, sono arrivato quarto al Ludus Maximus di Roma”. Risultati che hanno spianato la strada allo sportivo carpigiano, che ha già un prestigioso curriculum come personal trainer e istruttore in numerose palestre, per l’importantissima gara mondiale di Columbus. “L’emozione si fa sentire – spiega Vecchi – anche perché gareggerò con atleti di tutto il mondo che si esprimeranno in oltre cinquanta discipline sportive che vanno dalle più classiche a quelle maggiormente innovative. Per citare qualche esempio: ci saranno gare di crossfit, strongman, tiro con l’arco, ma anche bodybuilding che, anzi occupa un posto da protagonista. Non mancheranno le cheerleader, che si affiancheranno alla zumba e allo yoga. Per prepararmi a questa competizione mi baso su un allenamento quotidiano, ad eccezione di un giorno alla settimana. Poi, porto sempre con me i consigli del dottor Massimo Spattini, medico Chirurgo a capo dell’Accademia Funzionale del Fitness, Wellness e Antiaging, che, attraverso la sua specializzazione in alimentazione per lo sport, mi aiuta nel conseguire una forma che si avvicini sempre più alla perfezione. L’Arnold Sport Festival per me rappresenta il coronamento di un sogno che si rivelerà sicuramente indimenticabile”.

www.arnoldsportsfestival.com

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on Pinterest

MOTIVAZIONE ED ENTUSIASMO

MOTIVAZIONE ED ENTUSIASMO

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on Pinterest

LO SQUAT. ESERCIZIO FONDAMENTALE PER OTTENERE OTTIME RISPOSTE FISIOLOGICHE ED ORMONALI.

LO SQUAT. ESERCIZIO FONDAMENTALE PER OTTENERE OTTIME RISPOSTE FISIOLOGICHE ED ORMONALI.

Ritengo che lo Squat sia un esercizio fondamentale, esso non può mancare nei vostri programmi di allenamento. Lo squat è con tutta probabilità l’esercizio migliore per tonificare e rinforzare la muscolatura degli arti inferiori, inoltre permette ottime risposte fisiologiche ed ormonali come ad esempio il testosterone ed il Gh endogeno. Di seguito vi elencherò solo alcune regole per una corretta esecuzione dell’esercizio :

– afferrare l’asta con una presa leggermente più ampia rispetto alle spalle
– passare con la testa sotto la sbarra e portare le spalle a contatto con l’asta (parte centrale del trapezio), le scapole vanno leggermente chiuse.
– controllare con l’ausilio dello specchio che il centro del bilanciere sia posizionato alla stessa distanza dalle due spalle
– contrarre gli addominali e spingere con le gambe verso l’alto in modo da staccare il bilanciere dai supporti (sia multipower che libero).
– posizionare i talloni ad una larghezza leggermente superiore a quella delle spalle ed extraruotare le punte dei piedi leggermente.
– spostare leggermente indietro il bacino; lentamente piegare le gambe scendendo verso il basso lentamente e mantenendo il retto addominale contratto.
– scendere fino a quando l’articolazione dell’anca si trova alla stessa altezza di quella del ginocchio.
– se i vostri talloni si staccano dal terreno durante la discesa o avvertite seri problemi di equilibrio risalite nella posizione iniziale e riponete il bilanciere: non siete ancora pronti per eseguire l’esercizio
– durante il movimento la schiena andrà mantenuta quanto più diritta possibile, evitando di inarcarla ma facendo attenzione a non sbilanciarsi all’indietro
– raggiunta questa posizione spingere con forza sui talloni raddrizzando le gambe ma senza estendere completamente le ginocchia

Se non siete ben allenati  ed è una delle prime volte che eseguite lo squat:
– se avete a disposizione una swiss ball comprimetela tra la parte bassa della schiena e la parete provando ad eseguire l’esercizio tenendo i piedi 20-30 cm più in avanti rispetto al bacino
– quando sarete pronti iniziate lo squat a carico naturale (senza sovraccarichi), passando poi gradualmente ai manubri ed infine al bilanciere

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on Pinterest

PERSONAL TRAINER ROBERTO VECCHI

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on Pinterest

VECCHI ALL’ARNOLD NEGLI USA

VECCHI ALL'ARNOLD NEGLI USA

Carpi – Dal 27 febbraio al 2 marzo sarà a Columbus, capitale dello stato americano dell’Ohio, per prendere parte all’Arnold Sport Festival. La manifestazione ha la sua punta di diamante nell’Arnold Classic, una gara che può essere paragonata, per importanza e prestigio, all’olimpiade del bodybuilding, insieme al Mister Olimpya di Las Vegas.
Lui è l’“Ercole”di Carpi, Roberto Vecchi, 36 anni, personal trainer specializzato in wellness e fitness e, nel tempo libero, cultore di una disciplina sportiva che si avvicina al culturismo ma che culturismo non è.
Gli atleti come Vecchi gareggiano nella categoria Men’s Phisique (riconosciuta anche dall’Ifbb, l’Italian federation of bodybuilding) che consiste nella preparazione del proprio corpo in una armonia plastica di muscoli e nell’esaltazione delle giuste proporzioni, evitando le esasperazioni e privilegiando invece, piacevolezza estetica ed eleganza.
Pur essendo solo un amatore, il carpigiano ha condotto nel 2013 una stagione agonistica straordinaria, inanellando un successo dietro l’altro: terzo classificato ai Campionati italiani di Peschiera sul Garda; secondo alla Notte dei campioni, valevole come titolo nazionale, sempre a Peschiera; secondo anche alla San Marino Classic, competizione internazionale ospitata nella Repubblica di San Marino; infine quarto classificato e podio mancato per un soffio soltanto al Ludus Maximus di Roma. Risultati eccellenti che gli hanno dischiuso le porte della competizione di Columbus.
«Al Festival ci saranno 18 mila atleti – spiega Vecchi – provenienti da ottanta nazioni. Le discipline sportive rappresentate saranno oltre 50: bodybuilding e fitness in primis, ma ci saranno anche gare di Strongman e di Crossfit (le prime sono prove di atletica pesante, mentre le seconde sono gare di forza, resistenza e coordinamento, ndr) e altre più tradizionali come tiro con l’arco, nuoto, cheerleader, boxe, pole fitness, zumba e yoga».
In vista dell’importante appuntamento, Roberto ha intensificato al massimo gli allenamenti. «Faccio training tutti i giorni, anche due volte al giorno, per almeno tre o quattro ore. Un giorno alla settimana, invece, lo dedico al riposo perché il fisico ha bisogno di una pausa, per non stressarsi troppo. In genere al mattino faccio attività aerobica, mentre al pomeriggio mi dedico ai pesi. Cerco di incastrare gli allenamenti con il lavoro e non è sempre facile far coincidere tutti gli impegni».
Un sacrificio al quale l’atleta si sottopone volentieri: «Il mio sogno l’ho già coronato entrando a far parte di questa competizione. In America potrò confrontarmi con professionisti di tutto il mondo. Comunque vada, sarà per me un’esperienza indimenticabile». All’Arnold Sport Festival, Vecchi avrà l’occasione unica di coronare anche un altro sogno, quello di incontrare il suo idolo, il fondatore della manifestazione e leggenda vivente del bodybuilding: Arnold Schwarzenegger. «Spero di vederlo, di stringergli la mano e di riuscire a esprimergli in due parole tutta l’ammirazione che ho per lui…».
Rossana Caprari

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on Pinterest