Archive for marzo, 2014

PERSEVERANZA PER IL RAGGIUNGIMENTO DEI VOSTRI OBBIETTIVI

PERSEVERANZA PER IL RAGGIUNGIMENTO DEI VOSTRI OBBIETTIVI

” Sono sempre più convinto che le persone abbiano dentro di sè la forza necessaria per raggiungere il loro obbiettivo, qualunque esso sia. La forza di cui parlo si chiama PERSEVERANZA. Senza di essa non riusciremmo a proseguire sulla via intrapresa…Ju Nicolini ne è l’esempio.”
Personal Trainer Roberto Vecchi

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on Pinterest

SALUTE : I BIMBI ITALIANI MANGIANO MALE, SALTANO LA COLAZIONE E GUARDANO LA TV A TAVOLA.

SALUTE : I BIMBI ITALIANI MANGIANO MALE, SALTANO LA COLAZIONE E GUARDANO LA TV A TAVOLA.

Nonostante 2 genitori su 3 (64%) dichiarino di conoscere le regole alimentari di base, sembrano consolidarsi delle tendenze poco sane

Roma, 15 gen. (Adnkronos Salute) – Peggiorano le abitudini alimentari dei ragazzi italiani. Nonostante 2 genitori su 3 (64%) dichiarino di conoscere le regole alimentari di base, sembrano consolidarsi delle tendenze poco sane come non mangiare la frutta e verdura, saltare la colazione, concentrare i pasti piuttosto che fare i 5 consigliati al giorno, o mangiare con la tv accesa. E’ la fotografia scattata dalla ricerca ‘Lostile di vita dei bambini e dei ragazzi’, realizzata da Ipsos per Save the Children e Mondelez, presentata oggi a Roma in occasione dei 3 anni di attività di ‘Pronti, Partenza, Via!’, progetto promosso nelle aree periferiche di 10 città italiane, per favorire la pratica motoria e sportiva e l’educazione alimentare dei bambini. Progetto che proseguirà anche nel 2014.

Dall’indagine emerge una flessione nel numero dei bambini e adolescenti che mangia frutta e verdura ad ogni pasto (35% a fronte del 37% nel 2012) o una volta al giorno (35% contro il 39% dell’anno precedente) e un aumento di coloro che non l’assumono o lo fanno un massimo di 2 volte a settimana (31% contro il 24% del 2012). Per quanto riguarda il numero e regolarità dei pasti, risulta un dato particolarmente critico circa la prima colazione che ben un quarto dei ragazzi non consuma regolarmente: il 9% mai, il 16% a volte sì e a volte no. Inoltre, con il crescere dell’età questo pasto perde il suo fondamentale ruolo e ben il 14% dei 14-17enni non lo consuma mai a casa ma al bar. Quanto al pranzo, circa metà dei ragazzi ha l’opportunità di consumarlo con almeno un genitore (49%) o comunque a casa in compagnia di qualcuno (14%). La mensa scolastica serve solo un quarto dei ragazzi intervistati, che sale a metà circa (48%) tra i 6-10enni.

La presenza della famiglia intorno al tavolo a cena risulta invece una costante nel tempo per quasi il 90% delle famiglie con bambini e ragazzi, anche se un convitato che risulta spesso presente è la tv, accesa sempre in 4 famiglie su 10, occasionalmente nel 35% dei casi e assente soltanto in un quarto dei casi. La presenza della tv non è certo legata all’assenza di vigilanza genitoriale, ma è anzi una presenza bene accetta nella metà dei casi o comunque tollerata (41%). Il fuori pasto è un’abitudine che riguarda il 70% circa dei giovani intervistati, con maggiore occasionalità al crescere dell’età. Pomeriggio e metà mattina risultano alternativi per circa il 40% dei ragazzi intervistati, mentre solo un ragazzo su 5 fa 2 break al giorno.

L’obesità minorile in Italia appare per i genitori un problema visibile e consueto: continuano a ritenere – in linea con il passato – che più di un terzo di bambini italiani sia sovrappeso oppure obesi e un altro terzo che questa percentuale stia comunque tra il 20% e il 30%. I bambini più piccoli sono, secondo la percezione dei nostri intervistati, colpiti in misura quasi doppia rispetto agli adolescenti. Tuttavia, quando si tratta di valutare lo stato di salute del proprio figlio, solo un genitore circa su 10 ammette un sovrappeso, mentre per l’80% delle famiglie i propri figli sono assolutamente nella norma.

“Se a delle cattive abitudini alimentari si associa, come spesso, accade, l’assenza di un’adeguata pratica sportiva e motoria, le conseguenze sul benessere di un bambino o un adolescente, sia sul piano fisico che emotivo, possono diventare rilevanti”, commenta Valerio Neri, direttore generale di Save the Children Italia. Da qui l’esigenza di avviare, nel 2011 – insieme a Mondelez International Foundation e in partnership con il Centro sportivo italiano (Csi) e l’Unione italiana sport per tutti (Uisp) – il progetto ‘Pronti, Partenza, Via!’. Obiettivo: sensibilizzare, informare e coinvolgere bambini, genitori, insegnanti e operatori del settore per promuovere stili di vita più salutari in aree particolarmente disagiate di 10 città italiane: Torino, Genova, Milano, Aprilia, Ancona, Sassari, Napoli, Bari, Palermo e Catania.

“A distanza di 3 anni sono 70.000 i bambini e gli adulti raggiunti, 10 le aree sportive e verdi anche pubbliche riqualificate e utilizzate per attività motorie, ricreative ed educative, 1.400 i professionisti coinvolti, fra operatori, insegnanti, pediatri, nutrizionisti”, spiega Raffaela Milano, direttore Programmi Italia-Europa di Save the Children Italia. “L’intervento è consistito nel recupero e messa in opera di spazi come campi da gioco, percorsi sportivi, spazi verdi, campi polivalenti, skate e roller park, piste podistiche e ciclabili, con l’obiettivo di farne dei luoghi aperti a tutto il quartiere, contribuendo così a contrastare fenomeni di emarginazione ed esclusione sociale. Inoltre sono state organizzate sessioni informative su alimentazione e stili di vita salutari nelle scuoleprimarie e sono stati aperti 10 punti informativi dove le famiglie possono incontrare nutrizionisti e pediatri”, spiega ancora Milano. Oggi e domani (ingresso gratuito, dalle 10 alle 18) sarà possibile visitare la mostra fotografica ‘Pronti, Partenza, Via!’. Le foto sono state scattate da Francesco Alesi in varie città italiane e rappresentano ‘I luoghi restituiti ai bambini’ e ‘I protagonisti del progetto’.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on Pinterest