Archive for luglio, 2017

BUONE VACANZE !!

IMG_0639

Roberto e Edoardo del Team RV ti augurano una buona estate 2017 !
Arrivederci a Settembre con nuovi progetti per ritrovare tonicità e la giusta forma fisica.
Ciao, buone vacanze !!

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on Pinterest

GTC™ Green Training Camp

IMG_0166

Forza, Flessibilità e resistenza in un unico allenamento all’aperto.
Un allenamento adatto a tutti e per qualsiasi livello di preparazione.
Camminata, corsa, functional training, street workout e yoga.
Utile anche come palestra propedeutica per Spartan Race e Ocr !!

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on Pinterest

EFFETTI DELLA SOIA SULLA STEROIDOGENESI MASCHILE E FEMMINILE

Soy milk and beans

La soia è da sempre utilizzata per le sue proprietà nutraceutiche e per i suoi benefici riguardanti la salute dell’uomo. Le numerose azione di questo particolare legume sono ascritte ad una classe di composti nota come isoflavoni. Queste molecole rappresentano un’importante classe di fitoestrogeni (composti fenolici derivanti da piante che presentano un’azione agonista, parzialmente agonista o antagonista verso i recettori estrogenici e ne influenzano la sintesi endogena, l’azione e il metabolismo) e includono: genisteina, daidzeina, glicisteina e formononectina. Tra questi vi è l’equolo, un metabolita estrogeno-non steroideo della daidzeina che viene prodotto naturalmente dalla flora batterica intestinale da circa il 60% degli individui che consumano soia. Il mercato dell’integrazione attribuisce all’equolo numerose azioni protettive, così come per gli isoflavoni in generale, verso il cancro alla prostata, le vampate in menopausa, l’osteoporosi, le malattie cardiache e neurologiche. Tuttavia l’equolo presenta un’importante attività modulatrice verso il follicolo ovarico andando a legarsi con i numerosi recettori per gli estrogeni (alfa e beta). L’azione sul follicolo porta a disfunzioni nella funzionalità ovarica, riducendo la fertilità, inibendo la sintesi di estradiolo portando l’ovaio ad un prematuro esaurimento ovarico. La riduzione dei livelli di estradiolo comporta una ridotta fertilità, depressione, perdita di densità ossea, menopausa precoce, malattie cardiache. Uno studio del 2016 (Equol inhibits growth, induces stresia, and inhibits steroidogenesi of mouse antral follicles in vitro. Mahalingam et al.) focalizza l’attenzione sull’azione diretta dell’equolo su cellule di follicolo antrale. I risultati hanno mostrato come una concentrazione di equolo a 100microM esplichi la sua azione tossica al massimo livello dopo 96 ore di coltura. L’equolo porta ad una grave deregolazione della steroidogenesi follicolare con conseguente riduzione dei livelli di estradiolo, testosterone, androstenendione e progesterone. Gli autori convengono che la costante esposizione ad isoflavoni derivanti dalla soia (specialmente in chi segue diete vegane o vegetariane strette) possa portare a gravi squilibri della steroidogenesi. Per quanto riguarda gli effetti degli isoflavoni della soia sull’uomo, è noto che soggetti che fanno largo uso di prodotti a base di soia presentino livelli di testosterone inferiori alla media con una marcata riduzione della spermatogenesi (Messina M. A brief historical overview of the past two decades of soy and isoflavone research. J Nutr 2010). Uno studio del 2011 (Hypogonadism and erectile dysfunction associated with soy product Consumption; Siepmann et al 2011) ha mostrato come sia la daidzeina che la genisteina riducano la produzione di androgeni, soprattutto il testosterone. Inoltre si è visto come vi sia un incremento della produzione di DHEA con riduzione di tutti gli altri ormoni coinvolti nella steoridogenesi (androstenendione, testosterone, estradiolo) ciò rispecchia una inibizione dell’attività dell’enzima 3-Beta-HSD che converte il DHEA in Androstenendione, ma su questo punto i ricercatori non sono ancora certi. Un’altra possibile azione degli isoflavoni della soia sul testosterone si ha nell’aumento delle SHBG con conseguente riduzione della frazione libera del testosterone e diminuzione dell’azione di questo ormone. Inoltre oltre alla riduzione del Free Testosterone vi è anche una riduzione della concentrazione plasmatica di LH, ciò comporta una perturbazione nella regolazione centrale della produzione dell’ormone. In conclusione si può affermare che l’utilizzo costante e non necessariamente smodato di soia e prodotti derivati porta inevitabilmente a delle perturbazioni per quanto riguarda la steroidogenesi sia maschile che femminile.

Massimo Spattini

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on Pinterest

9810pippo imp.07-07-2017-09:05:40-32740376+0200

IL CORAGGIO DI METTERSI IN GIOCO

Da qualche tempo la mia mente ripeteva una frase che aveva citato ClaudioCattani, formatore e life coach “i sogni appartengono a coloro che hanno il coraggio di realizzarli!”
Il ripetersi automatico della frase che era rimasta nella mia testa non ha avuto alcun esito fino a quando non ho iniziato a disegnare una nuova prospettiva di vita, un progetto lasciando affiorare quelle figure che avevo abbandonato in modo incompleto in passato! Mi stavo chiedendo “Chi volevo diventare?”

Un Personal Trainer lo ero già con un successo più che buono e una vita affettiva e sociale invidiabile, ma ancora una volta nella mia mente persistevano sogni che non avevano trovato fino a quel momento la loro realizzazione!
Non restava che da chiedermi perché non provare? Perché non rimettermi in gioco? Sono un agonista, uno sportivo! Nello sport come nella vita “non provare” e “non mettersi in gioco” aumenta la paura di fallire innescando un circolo vizioso per cui non si fa nulla proprio per evitare di sbagliare e non facendo nulla si alimenta la percezione di noi stessi di essere incapaci e di essere considerati dagli altri come persone di scarso valore.

Queste riflessioni mi portavano verso un’unica soluzione “iniziare a fare” mettendo in conto che “non riuscire” era una possibilità, ma non l’unica!
Di certo in quel momento non era tempo di fissare un obiettivo, non avevo tanta energia da potermi permettere di sognare in grande. Lasciai perdere l’obiettivo e passai a prendere una decisione che, seppur piccola, mi spianava la strada verso ciò che volevo veramente!
La decisione che presi era quella di iniziare ad allenarmi per le gare “OVER 40!” Era una decisione coraggiosa lavorare su ciò che avrei voluto vivere e non sui dubbi e resistenze! Se volevo la luce, dovevo andare verso la luce accettando le ombre delle mie paure!

Questo fu l’inizio e giorno dopo giorno, esercizio dopo esercizio cullavo il mio desiderio, la vera motivazione aumentando la voglia di rimettermi in gioco! Ripresi in mano vecchi articoli di giornale, fotografie di premiazioni, riguardai coppe e trofei sulla mia bacheca. In quel modo e senza alcuno sforzo le immagini che sempre più chiare susseguivano nella mia mente non erano più relative a successi polverosi di altri tempi, ma a successi futuri, nuovi e da vivere!

Ecco l’obiettivo tanto atteso “Campionati Italiani MEN’S PHYSIQUE OVER 40 IFBB” volevo il titolo Italiano che mi era sfuggito qualche anno prima!

Ho condiviso i miei desideri e obiettivi, quelli veri intendo, con poche persone. Non era importante renderli pubblici, meglio lasciare il tempo al desiderio di fermentare se volevo una forza mentale e fisica esplosiva!

Per tutti i mesi di allenamento e di preparazione mentale ho lavorato come se avessi già raggiunto ciò che volevo, con le immagini nella mia mente della premiazione e il suono della voce dello speaker nelle orecchie che annunciava il mio nome e queste domande in testa che mi ripetevo costantemente:
• Cosa vorrà dire per me raggiungere quell’obiettivo?
• Cosa significherà per me arrivare a quel risultato finale?
• Quali saranno le emozioni che vivrò?
• Se provassi a spostare la mia mente in avanti nel tempo e immaginassi di avere già raggiunto quel risultato finale, che sensazioni vivrò? Come mi farà stare aver raggiunto quel risultato?

Tutto questo con la consapevolezza che il risultato finale non è importante in sé, ma è il significato che quel risultato ha per noi a renderlo importante!
Grazie caro Claudio “I sogni appartengono a coloro che hanno il coraggio di realizzarli”

Roberto Vecchi
(Campione Italiano MEN’S PHYSIQUE OVER 40 – 2017)

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on Pinterest