VECCHI ALL’ARNOLD NEGLI USA

VECCHI ALL'ARNOLD NEGLI USA

Carpi – Dal 27 febbraio al 2 marzo sarà a Columbus, capitale dello stato americano dell’Ohio, per prendere parte all’Arnold Sport Festival. La manifestazione ha la sua punta di diamante nell’Arnold Classic, una gara che può essere paragonata, per importanza e prestigio, all’olimpiade del bodybuilding, insieme al Mister Olimpya di Las Vegas.
Lui è l’“Ercole”di Carpi, Roberto Vecchi, 36 anni, personal trainer specializzato in wellness e fitness e, nel tempo libero, cultore di una disciplina sportiva che si avvicina al culturismo ma che culturismo non è.
Gli atleti come Vecchi gareggiano nella categoria Men’s Phisique (riconosciuta anche dall’Ifbb, l’Italian federation of bodybuilding) che consiste nella preparazione del proprio corpo in una armonia plastica di muscoli e nell’esaltazione delle giuste proporzioni, evitando le esasperazioni e privilegiando invece, piacevolezza estetica ed eleganza.
Pur essendo solo un amatore, il carpigiano ha condotto nel 2013 una stagione agonistica straordinaria, inanellando un successo dietro l’altro: terzo classificato ai Campionati italiani di Peschiera sul Garda; secondo alla Notte dei campioni, valevole come titolo nazionale, sempre a Peschiera; secondo anche alla San Marino Classic, competizione internazionale ospitata nella Repubblica di San Marino; infine quarto classificato e podio mancato per un soffio soltanto al Ludus Maximus di Roma. Risultati eccellenti che gli hanno dischiuso le porte della competizione di Columbus.
«Al Festival ci saranno 18 mila atleti – spiega Vecchi – provenienti da ottanta nazioni. Le discipline sportive rappresentate saranno oltre 50: bodybuilding e fitness in primis, ma ci saranno anche gare di Strongman e di Crossfit (le prime sono prove di atletica pesante, mentre le seconde sono gare di forza, resistenza e coordinamento, ndr) e altre più tradizionali come tiro con l’arco, nuoto, cheerleader, boxe, pole fitness, zumba e yoga».
In vista dell’importante appuntamento, Roberto ha intensificato al massimo gli allenamenti. «Faccio training tutti i giorni, anche due volte al giorno, per almeno tre o quattro ore. Un giorno alla settimana, invece, lo dedico al riposo perché il fisico ha bisogno di una pausa, per non stressarsi troppo. In genere al mattino faccio attività aerobica, mentre al pomeriggio mi dedico ai pesi. Cerco di incastrare gli allenamenti con il lavoro e non è sempre facile far coincidere tutti gli impegni».
Un sacrificio al quale l’atleta si sottopone volentieri: «Il mio sogno l’ho già coronato entrando a far parte di questa competizione. In America potrò confrontarmi con professionisti di tutto il mondo. Comunque vada, sarà per me un’esperienza indimenticabile». All’Arnold Sport Festival, Vecchi avrà l’occasione unica di coronare anche un altro sogno, quello di incontrare il suo idolo, il fondatore della manifestazione e leggenda vivente del bodybuilding: Arnold Schwarzenegger. «Spero di vederlo, di stringergli la mano e di riuscire a esprimergli in due parole tutta l’ammirazione che ho per lui…».
Rossana Caprari

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on Pinterest
  1. No comments yet.

  1. No trackbacks yet.