“PER OTTENERE VERI RISULTATI SERVONO 3 SEDUTE A SETTIMANA”

Per un muscolo che lavora al 100% della sua intensità, anche pochi minuti possono servire da stimolo. “Ma per essere utile,l’esercizio deve essere ripetuto almeno 3 volte a settimana”. 30 minuti è la durata consigliata a chi non è particolarmente allenato. E’ il limite minimo di qualunque seduta. Ma se parliamo di singoli muscoli portati a svolgere un lavoro massimale, allora anche pochi minuti sono efficaci. La regolarità è essenziale. Un muscolo diventa più forte perchè si adatta a uno stimolo. Ma questo stimolo è efficace solo se viene ripetuto regolarmente, altrimenti semplicemente si perde ! Una volta a settimana è troppo poco, due il minimo sindacale, tre o più la frequanza giusta.

Intervista su Repubblica a Paolo Zeppilli della Scuola di Medicina dello Sport della Cattolica.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on Pinterest

CHE DIRE DELLE UOVA E DEL COLESTEROLO ?

CHE DIRE DELLE UOVA E DEL COLESTEROLO ?

Anche se le uova sono un alimento relativamente ad alto contenuto di grassi (62% di grassi, 34% di protein) e sono una delle fonti più concentrate di colesterolo alimentare (212 milligrammi per uovo), quasi tutti i recenti studi scientifici hanno concluso che il consumo regolare di uova (sette a settimana) non aumenta il rischio di malattie cardiache. Ora si possono trovare anche uova addizionate in acidi grassi polinsaturi omega3, EPA e DHA.
Non bisogna comunque esagerare.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on Pinterest

ZUCCHERO O DOLCIFICANTE ? NO SCIROPPO D’AGAVE !

ZUCCHERO O DOLCIFICANTE ? NO SCIROPPO D'AGAVE !

Prima che esistesse la tequila, gli aztechi mischiavano succo d’agave e sale come rimedio per diverse infezioni della pelle. Studi recenti hanno confermato che l’agave ha effettivamente molte proprietà curative, ma noi ne sfruttiamo quelle alimentari nelle diete ipoglicemiche e ipocaloriche.

Per coloro che soffrono di diabete il succo d’agave si è dimostrato un ottimo dolcificante, perché non altera il sapore di bevande o caffé, e possiede un bassissimo indice glicemico. Questo significa che farne uso non aumenterà la produzione di insulina e quindi non altererà i valori degli zuccheri nel sangue. Per le sue qualità dietetiche la Food and Drug Administration (FDA) ha riconosciuto che in dosi appropriate il succo d’Agave è un alimento adatto anche per i diabetici.

Lo sciroppo d’Agave è prodotto dall’amido della pianta, contenuto nelle radici a bulbo simili ad ananas, e chiamate dalle popolazioni locali “cuore”. Si ottiene con un processo di estrazione e concentrazione totalmente naturale. Il succo viene filtrato dalle parti solide, poi lo si fa scaldare in modo da trasformare i carboidrati (l’amido) in zuccheri (fruttosio) e poi viene concentrato fino a ottenere uno sciroppo, leggermente più fluido del miele, ma senza sapore, in grado di dolcificare il 25% in più dello zucchero bianco.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on Pinterest

Dimmi a quale gruppo sanguigno appartieni e ti dirò chi sei !

Dimmi a quale gruppo sanguigno appartieni e ti dirò chi sei !

Dimmi a quale gruppo sanguigno appartieni e ti dirò chi sei ! La teoria di una connessione tra gruppo sanguigno e personalità è oggi largamente diffusa in Giappone (ketsu eki gata); viene praticata sia a livello aziendale per la ricerca del personale, sia per la scelta del proprio partner, degli amici e altro. Basti pensare che al primo appuntamento i Giapponesi non chiedono il segno zodiacale, ma il gruppo sanguigno di appartenenza ! Secondo tale teoria gli appartenenti ai singoli gruppi sanguigni avrebbero attitudini diverse nella gestione dello stress e dello sforzo fisico oltre che, beninteso, nelle performance intellettuali e relazionali.
Cit. “Dieta dei Gruppi Sanguigni”

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on Pinterest

“L’attività fisica non è una cosa che si fa quando se ne ha voglia e tempo, è un pilastro fondamentale del benessere psico-fisico.” Cit.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on Pinterest

JUNK FOOD – Le bibite analcoliche

JUNK FOOD - Le bibite analcoliche

1. Coca Cola
Rispettivamente 39g, 65g e 108g. Mette paura guardare tutte queste zollette una sopra l’altra!

2. Red Bull
In una lattina da 250 ml ci sono 27 grammi di zucchero bianco per un totale di 108 Kcalorie.

3. Spremuta di arance Minute Maid o similari
Un bicchere da 240 ml e una bottigla da 500 ml contengono rispettivamente 24 e 48 grammi di zucchero per un totale di 96 e 192 Kcalorie.

4. Latte al cioccolato Nesquick o similari
Una bottiglia da mezzo litro contiene 58 grammi di zucchero che corrispondono a 232 Kcalorie delle 400 totali.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on Pinterest

20130506-234706.jpg

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on Pinterest

20130506-234456.jpg

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on Pinterest

OMEGA 3

OMEGA 3

La dieta dell’uomo moderno non contiene abbastanza cibi ricchi di omega-3. L’alimentazione moderna è troppo squilibrata in omega-6.
Si ritiene che il rapporto tra acidi grassi omega-6/omega-3 fosse vicino a 1, oggigiorno è come minimo 10 se non in certi casi vicino a 30 a 1 e questo sembra essere la causa di malattie cardiovascolari, alcuni tipi di tumori e aumento di malattie su base infiammatoria.
(World Rev Nutr. Diet 1998; 12-23)

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on Pinterest

LA FRUTTA DIMINUISCE IL RISCHIO DI OSTEOPOROSI

LA FRUTTA DIMINUISCE IL RISCHIO DI OSTEOPOROSI

L’associazione positiva rilevata tra il consumo di frutta e la densità ossea suggerisce il ruolo importante dell’alimentazione nella prevenzione dell’osteoporosi, una patologia, come è noto, “tutta al femminile”.

American Journal of Clinical Nutrition June 2006, Vol.83,No 6

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Pin on Pinterest